Mercoledì 15 febbraio si è svolto il LUCI – PITCH DAY a conclusione della quarta edizione del Laboratorio Umanistico per la Creatività e l’Innovazione dell’Università di Macerata, coordinato dalla Prof.ssa Francesca Spigarelli, con il supporto dell’Ufficio Valorizzazione della Ricerca (ILO) e placement e dei tutor Lorenzo Compagnucci e Leonardo Seri. Il LUCI è il percorso formativo di UniMC centrato sul tema dell’auto-imprenditorialità e si pone nella prospettiva di un umanesimo orientato alla contemporaneità, capace di legare tradizione e innovazione, creatività e tecnologia. Dallo scorso luglio, il Laboratorio ha inaugurato una forte sinergia con CreaHub, l’incubaore-coworking space di UniMC (www.creahub.it), aperto alla cittadinanza, agli studenti e dedicato alla imprese culturali e creative.

L’evento si è svolto presso l’Aula Blu del Polo Didattico Pantaleoni di UniMC alla presenza del Prorettore, Prof. Claudio Ortenzi, e del Sig. Silvano Gattari della Camera di Commercio di Macerata, che dallo scorso anno è partner del percorso formativo. Durante questa edizione il LUCI, nell’ottica di valorizzare il territorio, ha ampliato e consolidato la rete di attori locali con i quali collabora, avviando un’efficace sinergia con il Distretto Culturale Evoluto delle Marche (DCE), i Cammini Lauretani ed il Museo della Scuola “Paolo e Ornella Ricca” di Macerata.

Otto i progetti ideati ed elaborati durante il LUCI da team multidisciplinari composti dai 28 allievi, tra studenti universitari, laureati e dottorandi dei cinque Dipartimenti di UniMC e studenti dell’ultimo anno dei licei, istituti tecnici e professionali della Provincia maceratese. Ogni team ha presentato il proprio progetto in 3 minuti con la tecnica dell’elevator pitch, davanti ad un pubblico di studenti, docenti, professionisti ed imprenditori. Proprio questi ultimi, durante il corso, hanno testimoniato le loro esperienze d’impresa agli allievi, contribuendo a ridurre il gap tra mondo accademico e imprese innovative. Presenti all’evento anche la Prof.ssa Pamela Lattanzi, Delegato del Rettore per l’orientamento, l’accoglienza, il tutorato, lo stage, il placement, i servizi per gli studenti diversamente abili e i rapporti con le associazioni studentesche, il Prof. Erik Longo, Delegato del Rettore per i rapporti istituzionali, con il territorio e la quarta missione, e la Prof.ssa Carla Danani, Delegato del Rettore per la ricerca, la sua promozione e sperimentazione nella dimensione internazionale e attraverso modalità interdisciplinari e intersettoriali, nonché i relativi processi di valutazione.

I progetti presentati hanno spaziato dalla valorizzazione del territorio attraverso l’export (Made in Marche Export Consultancy di Irene Del Bufalo, Eleonora Redolfi e Martina Scauda) ed il turismo (Il Gusto delle Marche di Maria Lazko, Alina Tyshchenko e Rachele Sabbatini), alla formazione di figure professionali in ambito socio-sanitario (A.D.C. Assistenza Domiciliare Certificata di Monica Platinetti, Emanuela Coppa e Fausto Monaldi). Gli allievi LUCI hanno anche promosso l’accessibilità museale (Inclusive Museum di Chiara Ciurlanti, Roberta Frungillo e Lucia Paciaroni) e ideato soluzioni a supporto della didattica per gli studenti universitari (UniUni – Università Unite di Ilaria Gobbi, Giada Bruni, Sara Zengarini, Federica Simonetti). Particolare attenzione è stata dedicata al tema della ricostruzione del territorio dopo i recenti eventi sismici (MarcheInfoPoint di Paola Kishta, Davide Lillini, Aurora Torresi e Francesco Mottola). Due i progetti legati al DCE “I Cammini Lauretani”, che hanno puntato alla riscoperta del percorso secolare sotto i profili storico, culturale, ambientale, religioso e ricettivo (I Tesori Nascosti della Via Lauretana, di Giacomo Alimenti, Alessandra Belli, Letizia Marini, Manuele Piccinini e Matteo Tamanti; e I Cammini Lauretani On Tour! Di Giorgia Frongia, Elisa Mosciatti e Alessandro Rinaldi).

Dopo la presentazione delle idee, gli allievi hanno ricevuto il Diploma di partecipazione al LUCI da un testimonial d’eccezione, Marcello Mancini, fondatore di Performace Strategies (ROI Group s.r.l.), che ha invitato i ragazzi a coltivare costantemente la propria formazione, facendo suo il motto del LUCI “Avere un’idea è un’ottima cosa. Ma è ancora meglio sapere come portarla avanti”.

Prima del rinfresco conclusivo, la giuria di docenti, professionisti ed imprenditori ha eletto e premiato i due progetti migliori: Inclusive Museum per la migliore idea, realizzata da Lucia Paciaroni (PhD Eureka UniMC), Chiara Ciurlanti (studentessa dell’I.T.C. Gentili di Macerata) e Roberta Frungillo (management dei beni culturali), e I Cammini Lauretani On Tour!, per il miglior pitch, realizzato da Giorgia Frongia (PhD Eureka UniMC), Elisa Mosciatti (laurea magistrale in teorie, culture e tecniche del servizio sociale) e Alessandro Rinaldi (PhD Eureka UniMC). I due team selezionati avranno la possibilità di partecipare gratuitamente a un ciclo di seminari tenuti dal Prof. Cesare Catà dal titolo “La forza delle storie. Lo Storytelling dall’Epica al linguaggio televisivo”, partendo da Aristotele e Cicerone, passando per il cinema, le fiction contemporanee ed il cinema, fino a comprendere quanto è importante ed attuale Shakespeare per l’identità e l’immagine delle aziende.

 

“E’ stata una grande soddisfazione ascoltare i progetti degli Allievi Luci. Colpiscono la creatività e la capacità di lavorare insieme creando sinergie tra competenze e saperi diversi, età diverse e passioni diverse. I ragazzi hanno oggi raggiunto la prima tappa di un percorso di autoimprenditorialità che potrà continuare con il supporto di UniMC. Aspettiamo gli Allievi a CreaHub, l’Atelier di idee-incubatore che da diversi mesi è operativo in pieno centro storico per supportare lo sviluppo di idee ed accompagnare i giovani all’avvio di impresa. Un ringraziamento a tutte le scuole aderenti e a tutti i professionisti che ci supportano con le loro attività”, dichiara la Prof.ssa Francesca Spigarelli, responsabile scientifico di LUCI e dell’incubatore CreaHub.

Impresa e Humanities non sono poi così distanti, con lo spirito dell’ “Umanesimo che Innova” Unimc, LUCI e CreaHub sono attori attivi nell’ecosistema locale, nella consapevolezza che giovani e cittadinanza, innovazione ed umanesimo, creatività e cultura, possono contaminarsi ed agire da volano dello sviluppo sociale, culturale ed economico del territorio.

 

Prof.ssa Francesca Spigarelli

Delegata del Rettore per il trasferimento di conoscenze e competenze, per l’auto-imprenditorialità, per l’implementazione dei principi della Carta europea dei ricercatori e la progettazione comunitaria.